Dettagli
 

UNISON RESEARCH UNICO SECONDO

Come ogni erede che si rispetti il nuovo Unico secondo si propone di raccogliere tutti i frutti dell’esperienza maturata nella progettazione e nella produzione del suo predecessore e di spingersi oltre nell’interminabile corsa verso livelli qualitativi superiori. Il circuito è stato completamente ridisegnato mantenendo i punti di forza e migliorando alcune delle soluzione adottate precedentemente. I circuiti di alimentazione sono stati ottimizzati: con l’aggiunta di un avvolgimento secondario al trasformatore di alimentazione è stato possibile migliorare l’efficienza del sistema, ridurre quindi la dissipazione di potenza e migliorare l’affidabilità. Il sistema di distribuzione dell’energia allo stadio finale coniuga ottimizzazione degli spazi, soluzioni circuitali ottimali e facilità di montaggio e assistenza. La struttura degli stadi di preamplificazione e driver è il frutto dell’esperienza derivata dalla progettazione di apparecchi di pregio quali Unico SE e Unico 200 ed è stata affinata con molte settimane di test (eseguiti nei nostri laboratori che da qualche tempo possono vantare apparecchiature di assoluto riferimento quali Audio Precision) e lunghe sessioni di ascolto. L’Unico secondo si presenta con una nuova estetica senza però perdere quei caratteri che l’hanno fatto apprezzare in tutto il mondo: il frontale diventa più alto, come quello dell’Unico SE, fianchi e coperchio abbandonano il ferro verniciato per vestirsi di alluminio spazzolato che conferisce all’apparecchio un look più accattivante e in linea con le tendenze estetiche attuali. L’apparecchio si propone di accontentare anche gli utenti più esigenti dotandosi di caratteri che gli permettono di collocarsi più facilmente in ogni impianto di un certo livello: accanto agli usuali ingressi linea, uno dei quali con la semplice installazione di una scheda phono interna può essere predisposto al collegamento di qualsiasi testina phono, il nuovo Unico secondo offre un ingresso XLR bilanciato; oltre all’uscita TAPE è presente un’uscita SUB a bassa impedenza e con livello di segnale dipendente dalla posizione del potenziometro del volume dedicata al collegamento con un subwoofer attivo. Dettagli: Oltre a quelle più evidenti, l’ Unico secondo mette in campo numerose altre novità che possono sfuggire all’occhio dell’utente e sulle quali vale sicuramente la pena di porre l’attenzione. Innanzitutto è doveroso menzionare il trasformatore di alimentazione, elemento più critico e importante di quanto si possa pensare in un amplificatore audio, nel nostro caso si tratta di un trasformatore toroidale costruito su nostre specifiche e generosamente dimensionato in modo da ridurre il riscaldamento del componente (il che si traduce in un aumento di affidabilità e qualità delle prestazioni) e assicurare un’adeguata capacità di trasmettere potenza anche in condizioni di forte carico. Per entrare nei dettagli possiamo ricordare che il nucleo è stato dimensionato per una potenza di 400VA mentre la sezione dei conduttori è stata calcolata imponendo densità di corrente relativamente basse e correnti massime doppie rispetto a quelle nominali di utilizzo. Le scelte effettuate, basate sull’esperienza decennale della nostra azienda, tentano di massimizzare il rapporto qualità/costo di ogni componente trovando quel giusto compromesso che garantisce le migliori prestazioni senza cadere in inutili esagerazioni. Si sono introdotti alimentatori stabilizzati non solo quando ciò era necessario ma in ogni porzione circuitale in cui l’adozione di strutture più raffinate del semplice filtraggio potessero migliorare le prestazioni dell’apparecchio. Nel Unico secondo sono presenti ben 7 alimentatori stabilizzati con tensioni di uscita che vanno dai 15V di alimentazione degli amplificatori operazionali ai 165V richiesti dallo stadio di preamplificazione valvolare. Una particolare attenzione è stata dedicata all’alimentazione dello stadio finale. Viste le caratteristiche (elevato valore, componenti impulsive) della corrente che lo stadio di potenza deve gestire si sono adottate soluzioni coraggiose: un banco di condensatori di elevato valore e di alta qualità, una parte di questi è stata disposta a ridosso dei MOSFET di potenza allo scopo di minimizzare il percorso per le componenti impulsive della corrente assorbita, le piste di alimentazione sono abbondantemente dimensionate, i percorsi di massa sono stati progettati con cura estrema. Ovviamente queste scelte comportano l’insorgere di numerosi problemi collaterali che nella maggior parte dei casi fanno ridimensionare le mire dei progettisti, nel nostro caso invece lo staff della Unison Research ha affrontato e risolto ogni ostacolo presentatosi senza scendere a compromessi con le difficoltà. Uno studio attento e consapevole del telaio e del layout hanno eliminato le difficoltà di assemblaggio che comporta il disporre voluminosi condensatori di filtro a ridosso dei dispositivi di potenza, la realizzazione di schede a montaggio verticale dedicate unicamente alla distribuzione dell’alimentazione hanno soddisfatto l’enorme occupazione di spazio richiesta da piste adeguatamente dimensionate. Si consideri che circa il 25% dell’intera superficie occupata da tutte le schede dell’apparecchio è dedicata alla distribuzione dell’alimentazione ai dispositivi finali!
Non minori attenzioni sono state rivolte alla gestione del segnale audio da riprodurre; a partire dai connettori dorati di ingresso fino a quelli di uscita anch’essi dorati, robusti, versatili e completamente isolati secondo le ultime normative, passando attraverso soluzioni circuitali curate nei dettagli e componentistica di assoluta qualità (commutatori a contatti dorati, potenziometro motorizzato ALPS, condensatori selezionati e resistenze a bassa tolleranza, i migliori zoccoli per le valvole in ceramica, eccetera). L’Unico secondo si interfaccia con gli altri componenti dell’impianto attraverso connettori di ingresso affidabili nel tempo, RCA dorati e XLR Neutrik per gli ingressi bilanciati, a questi ultimi segue uno stadio di conversione del segnale bilanciato a sbilanciato realizzato mediante amplificatori per strumentazione integrati ad alta precisione che presentano caratteristiche quali CMRR, banda e rumore di assoluto pregio. La selezione della sorgente avviene attraverso un commutatore a contatti dorati di produzione italiana, come da tradizione Unison Research la regolazione del volume è affidata a un potenziometro motorizzato ALPS. Una delle novità che fanno dell’ Unico secondo un punto di svolta è l’utilizzo nel circuito di preamplificazione di una ECC83 invece di una ECC82 come in ogni precedente modello della serie Unico. La scelta è stata determinata dai numerosi test d’ascolto effettuati: sono state realizzate numerosissime configurazioni messe poi a confronto “sul campo”, è stata alla fine adottata quella che dimostrava migliori qualità sonore. Le molte ore dedicate dal gruppo di lavoro della Unison Research alla messa a punto dei nuovi progetti non si concretizzano solo nello sviluppo di un nuovo apparecchio ma forniscono allo staff una notevole mole di dati e di esperienza, vera ricchezza per chi rincorre costantemente nuovi e migliori risultati. Nel nuovo Unico secondo, come nei migliori prodotti hi-fi e in tutta la serie Unico, accanto ai circuiti dedicati al trattamento dei segnali vengono sviluppati sistemi di controllo la cui utilità spesso sfugge. Si tratta di circuiti di gestione di funzioni evidenti come l’interfaccia col telecomando, la regolazione del volume, la temporizzazione del warm-up delle valvole o di funzioni “nascoste” come la regolazione dell’offset della tensione di uscita o la protezione contro i sovraccarichi dello stadio di potenza o ancora il blocco dell’apparecchio nel caso di rottura di un fusibile, eccessiva dissipazione termica dei MOSFET finali o mancanza anche momentanea della tensione di rete. Alcune scelte progettuali, come già messo in evidenza, apportano notevoli vantaggi ma presentano effetti collaterali che spesso ne sconsigliano l’adozione. La realizzazione di uno stadio di preamplificazione valvolare, l’accoppiamento in continua dello stesso con gli stadi a stato solido di driver e i bassi tassi di retroazione utilizzati contribuiscono a creare un amplificatore che ha la potenza di un stato-solido e la musicalità di uno valvolare ma rendono critico il problema dell’offset all’uscita. La soluzione niente affatto banale risiede nella realizzazione di circuiti di controllo ad operazionali che grazie ad una particolare topologia assicurano una efficace regolazione della componente continua di uscita senza compromettere le prestazione del sistema anche a frequenze estremamente basse. Nel precedente Unico le funzioni di temporizzazione e controllo erano effettuate per mezzo di un circuito a porte logiche, nel nuovo Unico secondo tutte queste funzioni vengono gestite da un microprocessore. La possibilità di sviluppare un software direttamente nei nostri laboratori offre numerose possibilità, nel nuovo prodotto ad esempio il led posto in prossimità della manopola del volume lampeggia quando il livello del segnale viene regolato da telecomando. Anche nello stadio di potenza il nuovo prodotto di casa Unison Research riesce a superare il suo glorioso predecessore: il numero di dispositivi finali è stato raddoppiato, la potenza erogabile su 8ohm è aumentata da 80W a 100W. Le prestazioni offerte sono ben al di sotto dei limiti raggiungibili dal sistema, il vero passo avanti si ottiene nella corrente erogabile che quasi raddoppia rispetto al modello Unico; ciò si traduce, per l’ Unico secondo, in un notevole aumento della capacità di pilotare carichi anche difficili e con impedenze basse. Un’adeguata dissipazione del calore generato dai MOSFET di potenza ha richiesto la progettazione e la realizzazione di un dissipatore custom costruito sul progetto realizzato dallo staff della Unison Research. Il progetto di questo elemento coniuga la migliore utilizzazione dello spazio disponibile (il profilo curvo del lato alettato segue infatti il perimetro del trasformatore) e la massima efficienza del dissipatore. La realizzazione pratica di una tale estrusione comporta notevoli difficoltà tecniche che hanno introdotto ulteriori vincoli e parametri di progettazione. Per assicurare inoltre un ottimale trasmissione del calore generato dai dispositivi al dissipatore e assicurare al contempo un’elevata tensione di isolamento elettrico da sempre la serie Unico utilizza degli isolatori di altissimo pregio realizzati da un film di gel siliconico intrappolato in una rete di minifibre di vetro. Sempre fedeli allo stile che ha reso celebri i prodotti Unison Research la realizzazione del progetto non ha trascurato dettagli importanti per chi vuole proporre qualità a 360°. I circuiti stampati vengono realizzati con piste in rame dorato di spessore elevato, ricoperti di solder blu (esteticamente molto più pregevole del comune verde), nel disegno del layout convivono rigore tecnico, disposizione logica e simmetria che garantiscono le migliori prestazioni e facilità di intervento. Lo studio dello chassis assicura solidità e affidabilità all’apparecchio, le finiture estetiche in alluminio non utilizzano profili commerciali ma rientrano nei frutti degli sforzi progettuali del team della Unison Research. Tutti i nostri sforzi, la volontà di soddisfare chiunque avrà a che fare con i nostri prodotti (da chi dovrà assemblarli, a chi li dovrà testare fino al fortunato cliente che ne godrà) incontrandosi con tutta l’esperienza Unison Research e la passione profonda che unisce tutti noi hanno portato alla realizzazione di un nuovo sicuro protagonista del mondo dell’Alta Fedeltà.


Specifiche Tecniche
Potenza di uscita: >100W RMS continui 8ohm
> – 180W RMS continui 4ohm
Stadio di uscita:  POWER MOSFET, doppia coppia complementare
Polarizzazione:  Classe A Dinamica
Valvole:  2 x ECC83 (12AX7)
Sensibilità:  350mV
Impedenza di ingresso:  50 k? / 47 pF
Risposta in frequenza:  piatta@10Hz / -0.5dB@100kHz
THD:  0.2% @ 10W, 1kHz
Fattore di retroazione:  8dB
Fattore di smorzamento:  >50
Ingressi:  5 linea RCA, 1 linea XLR, 1 tape RCA
Uscite:  1 tape RCA, 1 subwoofer RCA
Connettori di uscita:  4 +4 per Bi-Wiring
Telecomando:  Volume, IR
Assorbimento di potenza:  400W max
Dimensioni (la x lu x alt):  43.5 x 43 x 13 cm
Peso netto:  16 kg
Unison Resarch Unico Secondo

Prezzo di listino: € 2.300,00

Fai un'offerta!

Telefono: E-mail:

Con l'invio di questo modulo l'utente concede a TREZETA S.N.C. il consenso al trattamento dei suoi dati personali.
Ai sensi della legge n° 675 del 31.12.1996, informiamo che i dati trasmessi saranno utilizzati per l'invio delle informazioni richieste e di altre pubblicazioni promozionali. In qualsiasi momento l'utente ha diritto di modificare e far cancellare i suoi dati in nostro possesso. Il titolare e responsabile del trattamento dei dati è Pier Luigi Zanella.